Cerca
  • Kinetic Center Lugano

Fisioterapia in gravidanza: come aiutarti in dolce attesa.

La gravidanza è uno dei momenti più significativi e speciali nella vita di una donna e comporta cambiamenti repentini e significativi, sia a livello fisico che emotivo, da gestire al meglio per garantire la salute psicofisica della mamma e del bambino.



Come può aiutare la fisioterapia?


La fisioterapia, se eseguita da terapisti professionisti, è un ottimo intervento privo di qualunque rischio, per tutte quelle piccole problematiche e condizioni dolorose che si possono verificare sul corpo della donna durante le 40 settimane di gestazione.


Fondamentale è conoscere lo scopo del trattamento, che in questo caso non sarà volto alla risoluzione della causa primaria del problema, ma aiuterà il corpo della donna ad adattarsi al meglio alla nuova e temporanea condizione.



Le problematiche più comuni in gravidanza?

  • Gonfiore agli arti inferiori dovuta alla stasi venosa, derivante dalla compressione delle strutture per la continua crescita del feto;

  • Lombalgia, talvolta associata a sciatalgia, dovuta al progressivo riadattamento e ri-posizionamento della colonna causato alla crescita del bambino e dall'inevitabile aumento di peso. La curva fisiologica a livello lombare aumenta, causando allungamento ed ipertonia dei muscoli interessati;

  • Disturbi del pavimento pelvico, con progressivo rilassamento della muscolatura che sostiene gli organi interni e durante i mesi della gravidanza il bambino. È importante che durante questa fase il tessuto sia abbastanza forte da sorreggere il peso in continuo aumento ma nel frattempo essere anche abbastanza elastico per evitare che incorrano lesioni durante il parto;

  • Difficoltà respiratoria che compare con l'aumento di volume a livello addominale, comprimendo il diaframma verso l'alto e riducendo la capacità volumetrica polmonare;


Come il fisioterapista può aiutare la futura mamma ad adattarsi a questa nuova condizione e quindi gestire queste problematiche?


A tale proposito si premette che il trattamento professionale in gravidanza è prettamente di tipo manuale, calibrato e dosato in base alla condizione clinica della mamma e dal mese di gravidanza in corso.                   

 

Durante le 40 settimane di gestazione, infatti, per non interferire con lo sviluppo del feto, sarà necessario evitare il trattamento riabilitativo che utilizza apparecchiature elettromedicali come ad esempio Tecarterapia, Ultrasuoni ed Elettrostimolazione.

Quale trattamento in gravidanza?

  • Linfodrenaggio manuale: grazie alla sua azione drenante e defaticante, aiuta a migliorare la circolazione linfatica superficiale e profonda, donando un piacevole senso di leggerezza;

  • Blanda mobilizzazione articolare: applicato al rachide e al bacino, e associato a massoterapia ed esercizi di stretching volti alla componente muscolare, in concomitanza con esercizi posturali e per la respirazione corretta, aiuta il rilassamento e allevia i disturbi provocati dalla sciatica e il mal di schiena;

  • Applicazione di Kinesio Tape: questi cerotti elastici colorati e non medicati, applicati in modo specifico, garantiscono sostegno sia a livello del rachide che della pancia, ma anche benessere agli arti inferiori se applicati a scopo drenante;

  • Riabilitazione del pavimento pelvico: esercizi specifici che potenziano i muscoli del perineo per prevenire i disturbi che tipicamente accompagnano le neomamme e facilitano la ripresa dopo il parto;

L’obiettivo dell’intervento fisioterapico durante la gestazione è quindi quello di permettere alla futura mamma di affrontare le varie fasi della gravidanza con consapevolezza e serenità, affidandosi ad una figura specializzata che possa rappresentare un aiuto e un supporto per lei, sia nel periodo di preparazione al parto ma anche nella fase post-parto.


© Kinetic Center Lugano | Fisioterapia e Riabilitazione

Seguici su:

  • Facebook
  • Instagram
  • YouTube
  • LinkedIn